Skip to Content
Per un sistema di acquisto equo e solidale

Water makes money

Equo-à-porter - la prima sfilata di moda equa e solidale

La Bottega del Mondo della Cooperativa "LE FORMICHE" Onlus invita tutti alla prima sfilata di moda equa e solidale, GIOVEDì 9 GIUGNO alle ore 20.45 (sulla strada davanti alla bottega in occasione del primo GIOVEDì LUNGO di Laives. Materiali naturali, lavorazioni artigianali, rispetto della dignità dei produttori del commercio equo di Africa, Asia e Sudamerica. È attorno a questi tre cardini che il nostro consorzio CtmAltromercato ha sviluppato la sua collezione di moda etica. Grazie ad alcune nostre volontarie che sfileranno per noi sulla passerella, si potranno ammirare abiti, calzature, bigiotteria e tanti accessori, caratterizzati da uno stile fresco, romantico e un po' rétro, pensate per una donna attenta al look, ma anche all'ambiente e a alla dignità dei piccoli produttori del sud del mondo. Lino, garze di cotone, jersey, canapa e seta i tessuti per vestiti, gonne, maglie, pantaloni, borse, foulard. In vendita bijoux: girocolli, collane lunghe, bracciali, orecchini pendenti di grandi dimensioni lavorati con colori atossici in materiali eco-compatibili come tagua (l'avorio vegetale), legno, ceramica, vetro soffiato a mano. Vi aspettiamo tutti quindi e molto numerosi, con preghiera di divulgare il più possibile l'informazione!

L'acqua non si vende!

www.referendumacqua.itwww.acquawasser.org

Merano aspira a "trattare" anche i rifiuti pericolosi inceneriti di Trento e Bolzano?

Leggi questo articolo sul sito di ambiente e salute

Oro liquido

olio_intergas


Sulla home page del sito dell'intergas dell'Alto Adige è pubblicata  la presentazione del prof. Melissano.

Petition Prader Sand

Drupal

Foreste a rotoli

Drupal
In fazzoletti e carta igienica, che usiamo solo una volta e poi buttiamo nel cestino e nel wc, può nascondersi carta pericolosa. Ma da oggi hai uno strumento in più per evitare di acquistare pezzi di preziose foreste pluviali: la nostra nuova guida "Foreste a rotoli", un vademecum verde per l'acquisto di carta igienica, rotoloni, tovaglioli e fazzoletti usa e getta. E per promuoverla abbiamo girato il video virale "Deforestation Nightmare". Atmosfera hitchcockiana e un' interprete speciale, Barbara Tabita, nostra testimonial e protagonista della serie tv "I Cesaroni".

Purtroppo negli ultimi anni la richiesta di polpa di cellulosa per la produzione di carta sta pericolosamente accelerando la distruzione degli ultimi polmoni del pianeta, minacciati dall'irresponsabilità di aziende come Asia Pulp and Paper (APP) e dai loro clienti.

Anche l'industria cartaria italiana ha le sue responsabilità. Per realizzare la guida, abbiamo valutato più di 200 prodotti di circa 30 aziende scegliendo tra quelli più distribuiti negli scaffali dei supermercati. Purtroppo il risultato è stato deludente. Sono poche le aziende virtuose come Coop e AS (Gruppo Schlecker). A rischio, nella fascia rossa, i prodotti di Auchan, Sma e Pam. Tra i non classificabili, i prodotti della multinazionale Georgia Pacific, come Tenderly e Tutto.

Prima di fare la spesa, quindi, consulta la nostra guida "Foreste a Rotoli", disponibile anche in versione tascabile. Se vuoi contribuire attivamente alla diffusione di questo vademecum, bastano pochi secondi e pochi click:
- scarica la guida
- condividi il link sul tuo profilo Facebook

Se siamo in tanti a fare acquisti responsabili, possiamo salvare le ultime foreste del pianeta.

gas L.A.M.P. e

Drupal
Le pagine di questo sito sono tutte state sviluppate su piattaforma L A M P e utilizzando il cms Drupal.

L'acronimo LAMP sta per Linux, Apache server, Mysql, e Php che sono i software che compongono una piattaforma di sviluppo di applicazioni web ovvero il sistema operativo del server che le ospita, il software server web, il software dei database ed il linguaggio di programmazione delle applicazioni stesse. Drupal è un Content Management System, ovvero un insieme di moduli di programmazione che facilitano la gestione di un sito web.

La caratteristica importante di tutti i software citati è che sono software liberi. Ovvero aderiscono ai seguenti principi della Free Software Foundation:

  • Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo.
  • Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità. L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
  • Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo.
  • Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti da voi apportati (e le vostre versioni modificate in genere), in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio . L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Ne consegue che ogni software libero deve necessariamente essere a codice aperto (Open Source), cioè aderire nella produzione distribuzione ed evoluzione a principi di apertura del codice sorgente e sua libera circolazione.
L'apertura del codice sorgente, in sostanza, fa si che chiunque possa accedervi per studiarne il funzionamento o apportarvi modifiche rendendolo di fatto prodotto collettivo di una collaborazione di più programmatori geograficamente distanti, non legati ad una unica azienda, ma anzi obbligati alla condivisione delle loro conoscenze.

Per approfondire:
http://www.gnu.org/philosophy/philosophy.it.html
http://italy.fsfe.org/about/about.it.html
http://it.wikiquote.org/wiki/Richard_Stallman

Chi siamo?


I Gruppi di Acquisto Solidali (G.A.S.) nascono da una riflessione sulla necessità di un cambiamento profondo del nostro stile di vita. Come tutte le esperienze di consumo critico, anche questa vuole immettere una «domanda di eticità» nel mercato, per indirizzarlo verso un'economia che metta al centro le persone e le relazioni.

Il nostro neonato GASLAMPE è un piccolo gruppo di consumatori, amici, colleghi di lavoro, simpatizzanti accumunati dal desiderio di portare un contributo al miglioramento della qualità dell'alimentazione, della salute, dell'ambiente e in particolare della qualità delle relazioni tra le persone.Intendiamo aumentare e sviluppare consuetudine, confidenza, fiducia e un atteggiamento generalmente positivo nei confronti del consumo consapevole, trasferendolo da un piano salutistico ed elitario a un piano “normale” e quotidiano.

Condividi contenuti